OK

Při poskytování služeb nám pomáhají soubory cookie. Používáním našich služeb vyjadřujete souhlas s naším používáním souborů cookie. Více informací

Úvodní stránka » RECORDS » Fabrizio De André
Fabrizio De André — Crêuza De Mä (2014)

Fabrizio De André — Crêuza De Mä (2014)

ITA Flag      Fabrizio De André — Crêuza De Mä
  In 1984 he turned to his native Genoese dialect; in collaboration with former PFM member Mauro Pagani he wrote one of his most celebrated albums, Crêuza de mä ("Path to the sea", the term "Crêuza" actually means a narrow road bordered by low walls, typical of Genoa and Liguria in general). The songs are a tribute to the traditional music from the Mediterranean basin. The album was awarded several prizes and was hailed as "the best Italian album of the 1980s". David Byrne named it as one of his favourite albums, and Wim Wenders said that it was this album that introduced him to the music of De André, whom the director names as one of his favourite artists. As Pagani has repeatedly stated, De Andrè wrote the lyrics for the album, while the music was almost entirely Pagani's.
Birth name: Fabrizio Cristiano De André
Born: 18 February 1940, Genova, Italy
Origin: Genoa, Italy
Died: 11 January 1999, Milan, Italy
Genres: Folk rock, Folk music, Chanson, World music
Album release: March 1984/20 febbraio, 2014
Record Label: Dischi Ricordi
Format: 2cd
Duration:     33:29+16:50 + 45:08 => 95:27
Tracks:
All lyrics by Fabrizio De André; music by Mauro Pagani and Fabrizio De André.
CD 1:
01. Crêuza de mä ("Muletrack by the sea")     6:16
02. Jamin-a ("Jamina", an Arabic female name)     4:52
03. Sidún (i.e. Sidon, in Lebanon)      6:25
04. Sinàn Capudàn Pascià ("Sinàn Captain Pasha", a legendary braggart from Genoa)     5:32
05. Â pittima ("The flea", a derogatory nickname for a tax revenue officer) 3:43
06. Â duménega ("On Sunday")     3:40
07. D'ä mê riva ("From my shore")     3:04
08. Jamín-a [Alternate Version 2014]     3:36
09. Sinàn Capudàn Pascià [Alternative Mix 2014]     5:30
10. Â duménega [Alternative Mix 2014]     3:37
11. Crêuza de mä [Alternative Mix 2014]     4:07
CD 2:
01. Crêuza de mä [Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014]  6:01
02. Jamín-a [Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014]  4:45
03. Sidún [Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014]  5:59
04. Parlato 'Idioma' [Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014]  2:34
05. Â pittima (Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014)  3:32
06. Presentazione Sinàn Capudàn Pascià (Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014)  1:31
07. Sinàn Capudàn Pascià (Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014)  5:51
08. Presentazione  duménega (Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014)  1:48
09. Â duménega [Live Tour 'Creuza de ma' 1984 — New Mix 2014]  3:19
10. 'A cimma (Live Tour 'Le Nuvole' 1991 — Edit — New Mix 2014)  5:50
11. Megu Megun [Live Tour 'Le Nuvole' 1991 — Edit — New Mix 2014]  4:38
Album Moods: Bittersweet Gentle Intimate Ironic Literate Reflective Searching
CREDITS:
Personnel:
Fabrizio De André — Guitar in D'ä mê riva and vocals
Mario Arcari — Shennai in Jamin-a
Aldo Banfi — Synclavier
François Bedel — Goblet drum and percussion instruments
Francis Biggi — Consultancy on medieval and ethnic instruments
Walter Calloni — Drum kit
Dino D'Autorio — Bass guitar in Sinàn Capudàn Pascià
Edo Martin — Synthesizer
Franco Mussida — Classical guitar and electric mandolin
Mauro Pagani — Oud, bağlama, bouzouki, mandolas, mandolins, viola, synthesizer, vocals
Maurizio Preti — Percussions
Massimo Spinosa — Bass guitar
Domna Samiou — Introduction to Crêuza de mä from Aria per gaida sola.
♦   With the notable exceptions of "Jamin-a" and "Sidún", inspired by De André and Pagani's then-recent trips to Africa and the Middle East, all songs are about Genoa in the 1800s; in particular, "Â duménega" is a jokey song about prostitutes being allowed to walk freely through the streets of Genoa on Sundays, and about the township exploiting the "income" generated by prostitution to pay for the works in the Genoa port; "D'ä mê riva", on the other hand, is a regretful and nostalgic lament of a sailor leaving Genoa for an unknown destination, maybe for good.
REVIEW
Ned RaggettScore: ****½
♦   A curious, fascinating release, Creuza de Ma was named by none less than David Byrne as one of his favorite albums from the '80s — and, for once, it seems like he really meant it beyond reasons of simple cred-seeking. Creuza de Ma itself isn't in fact an Italian album per se, but a Genoese one, with all lyrics sung in that particular dialect, a blend of Italian, French, and Catalan that's different enough from Italian to require full translations of the words into that language in the liner notes. The sense of distance and a sense of "another place" is further heightened by the subject matter of many of the songs, focusing on historical figures or incidents in the past. Thus, "Sinan Capudan Pascia" tells of a 17th century Italian who became a Turkish general, while "A Dumenega" tells the story of a Sunday promenade by a group of prostitutes. Above and beyond the lyrics, though, is the music, an attractive blend of state-of-the-art instruments and, in de Andre's singing, gently mystic singalongs, with more than a little touch of sea shanties, Mediterranean style. His voice shows both his years of singing and his skill, practiced without being either oily or dispassionate, a quiet, reflective delivery well suited to the sun-baked atmosphere captured in the cover art. As for the music itself, there's a sense of modern clichés being avoided — a song like "Jamin-a" suggests Dead Can Dance's swirl of percussion and trance, a folk dance on electric instruments and with drum machines. Besides the excellent title track, the longest cut on the album and a fantastic introduction, other highlights would have to include "Sidun," with truly haunting and mysterious music and some of de Andre's most captivating singing, and the previously mentioned "A Dumenaga," a low-key danceable delight. (Fortaken: Answers)
Artist Biography by Craig Harris
♦   With the death of Fabrizio De André from cancer on January 11, 1999, Italy lost one of its most modern singer/songwriters. Inspired by the songwriting of Bob Dylan and Leonard Cohen, De André's songs encompassed Genoese folk songs, French protest/social commentary, beatnik "stream of consciousness" poetry, and the soundtracks of Italian film Westerns. A native of the Genoese province of Liguria, De André was born into a wealthy family. His father's criticism of the fascists who controlled Italy caused he and his family to go into hiding in Asti during World War II. ♦   The experience left a lasting mark. Although he returned to Genoa following the end of the war in 1945, he continued to be drawn to political and social issues. Entering university as a pre-law student, De André found music a more effective mode for expressing his views. Having studied violin as a youngster, he found his natural musical voice after acquiring his first guitar at the age of 16. American jazz guitarist Jim Hall served as an early influence. Launching his professional career as a member of pianist Mario DeSantis' jazz band, De André increasingly veered toward more pop-minded genres. Forming a country & western band, Crazy Cowboy & Sheriff Ore, he began writing his own songs about suicide, prostitution, and drugs. His debut single, " Nuvole Barocche," was released in 1958. Scoring his first hit, "Marinella," in 1965, De André released his first album of new material, Tutto Fabrizio De Andre, the following year. He remained seclusive, however, refusing to appear on television and not performing his first concert until March 18, 1975. He continued to maintain a low profile for the rest of his life, rarely appearing in concert. De André attracted international attention when he was kidnapped, along with his compatriot Dori Ghezzi, in August 1979 and imprisoned for four months by Sardinian criminals.
"FABRIZIO DE ANDRÉ CRĘUZA DE MÄ 2014”
A TRENT’ANNI DALLA PUBBLICAZIONE UN NUOVO MIXAGGIO
CURATO DA MAURO PAGANI E UNA VERSIONE INEDITA DI JAMIN-A
UN LIBRO DI 208 PAGINE CON IMMAGINI E CONTENUTI INEDITI RACCHIUDE IL NUOVO MIX DI CRĘUZA DE MÄ E LA RACCOLTA LIVE “LA MIA GENOVA”
♦   Il 20 febbraio, in occasione dei 30 anni dalla pubblicazione di Cręuza de mä, un nuovo mixaggio del disco realizzato da Mauro Pagani, festeggia l’anniversario dell’album e, contestualmente, il compleanno di Fabrizio De André del 18 febbraio.
♦   Scritto nel 1984 da Fabrizio De André e Mauro Pagani, Cręuza de mä venne timidamente accolto dai discografici di allora, convinti che un disco in genovese non lo avrebbe capito nessuno. La cura delle sonoritŕ etniche unitamente alla ricerca linguistica operate da De André e Pagani fecero invece di Cręuza de mä un album di grande successo, votato dalla critica Miglior disco italiano degli anni ’80, segnalato da David Byrne tra i dieci dischi piů importanti del decennio in tutto il mondo e al 4° posto della classifica dei 100 dischi italiani piů belli di sempre secondo Rolling Stone.
♦   A 30 anni dalla sua pubblicazione Mauro Pagani ne realizza una versione completamente remixata, che Sony Music pubblica in 3 differenti versioni, offrendo al pubblico anche la raccolta di esecuzioni live di De André, La mia Genova: un’edizione speciale libro di 208 pagine con 2 cd (album originale remixato + “La mia Genova”), vinile 180 grammi (album originale + versione inedita di Jamin-a) e doppio cd (album originale remixato + “La mia Genova”).
♦   Nei diversi formati sono inclusi una versione inedita di Jamin-a, ulteriori remix di Sinán Capudán Pasciá, ’Â duménega, Cręuza de mä e una toccante D'ä mę riva interpretata da Mauro Pagani e Andrea Parodi.
♦   Il libro illustrato di 208 pagine — che racchiude in un’edizione speciale i due cd —  é stato realizzato da Fondazione Fabrizio De André Onlus e curato da Sandro Veronesi con testi e contributi di Mauro Pagani, Renzo Piano, Paolo Fresu, Giovanni Soldini, Antonio Marras, e arricchito da manoscritti di Fabrizio De André e bellissime fotografie.
♦   La ricca produzione discografica di Fabrizio De André, che abbraccia un periodo lungo 40 anni di carriera, é stata affidata per varie vicissitudini a circa dieci case discografiche e relative etichette. La casa discografica Karim pubblicň i primi 45 giri firmandoli con un semplice Fabrizio, per via del veto da parte della famiglia sull'uso del cognome, mentre le successive ristampe sono firmate Fabrizio De André. La produzione Karim passa, dopo il fallimento della stessa, alla Roman Record Company che ripubblica il materiale in due LP e due 45 giri. La causa che Fabrizio aveva intentato contro la Karim per ragioni di contratto, fu vinta da De André, ma i diritti delle canzoni giŕ pubblicate non tornarono mai all'autore, ragione per cui tutte le canzoni vennero reincise e ridepositate per Antonio, detto Tony, Casetta, titolare della etichetta Bluebell, poi Belldisc, che prenderé presto il nome di Produttori Associati. Nel frattempo La Roman Record Company cederŕ a sua volta tutto il catalogo al gruppo Philips-Phonogram che lo ristamperŕ negli anni in varie raccolte, sino all'ultima Peccati di gioventů edita dalla Universal che nel frattempo ne aveva acquisito i diritti, e per la prima volta con il consenso della famiglia De André. "Nuvole barocche" e "E fu la notte" furono i primi due brani incisi da De André nel 1960 o probabilmente 1961, eseguiti nel 1958 al teatro "La borsa di Arlecchino" di Genova, dove Fabrizio intraprese i suoi primi passi sulla scena. Piů tardi Fabrizio stesso disconobbe queste canzoni. Nel 1961 segue la prima vera canzone composta da Fabrizio: "Ballata del Miché", presente sul secondo singolo, dove troviamo anche "Ballata dell'eroe".
♦   Per effettuare una ricerca inserire una parola chiave, o qualsiasi termine, nell'apposito campo di ricerca. La ricerca pun avvenire anche solo selezionando una voce dal menu a tendina.
LA BIOGRAFIA
Individuo sociale
♦   […] a certa gente il fatto che mi sia innamorato di Dori dà un fastidio enorme. Il mito è crollato! Si è innamorato della bella ragazza, che credono oca e invece è più intelligente di me. Basta poi che io abbia realizzato un disco come Rimini, malato di un allegrismo che non è mai stato mio, e allora per alcuni è come aver perso una gamba.
Vivere in coppia per me è necessario, ci si aiuta molto, si ha sempre uno specchio nel quale guardarsi […]. È una continua collaborazione, guai se non fosse così. Io sono abbastanza gregario poi come tipo di temperamento anche se per molte ragioni sono invece spesso costretto a diventare un solista. Lo noti anche dal fatto delle mie collaborazioni sempre più frequenti. […] Ho bisogno d’essere aiutato ecco, e non mi tiro indietro quando devo aiutare. Sono un individuo sociale anche se in un modo o nell’altro qualcuno invece mi considera un individualista. Ma non è mica tanto vero…
I miei figli li ho osservati nelle tre fasi di evoluzione della loro vita: quella dell’infanzia in cui li spiavo e li ammiravo per quella loro confidenza con il mistero, quell’enorme momento in cui i bambini sono illuminati da continue scoperte ed invenzioni, quando non conoscono il pericolo e la paura che soltanto il controllo più o meno esagitato dei genitori riuscirà a trasferire nelle loro memorie, col tempo, giorno dopo giorno; i miei figli come suppongo la maggioranza di tutti i nostri figli, sono stati fino verso i dieci anni, due incredibili artisti. Nel periodo dell’adolescenza ho contribuito come tutti i genitori a guastargli la festa, consapevole da un lato che si doveva insegnar loro le regole per vivere in società e dall’altro di togliere loro quella meravigliosa libertà che quasi tutti gli adulti amano scambiare con ciò che chiamano sicurezza. Non credo di esserci andato con la mano pesante, infatti i miei figli sono rimasti due artisti, due persone capaci di convivere con gli altri ma non fino al punto di essere distolti dalla propria immaginazione, dalla propria fantasia e sensibilità. Ho parlato di tutti e due, anche se hanno una differenza di età di 15 anni perché ormai le due prime fasi di crescita le hanno superate entrambi e oggi sono entrambi adulti […]
Website: https://www.de-andre.com/
Website: http://www.fondazionedeandre.it/
_______________________________________________________________
Discography:
Albums:
♦   Volume 1 (1967)
♦   Tutti morimmo a stento (1968)
♦   Volume 3 (1968)
♦   La buona novella (1970)
♦   Non al denaro non all'amore né al cielo (1971)
♦   Storia di un impiegato (1973)
♦   Canzoni (1974)
♦   Volume 8 (1975)
♦   Rimini (1978)
♦   Fabrizio De André (1981)
♦   Crêuza de mä (1984)
♦   Le nuvole (1990)
♦   Anime salve (1996)
Compilations:
♦   Tutto Fabrizio De André (1966)
♦   La canzone di Marinella (1968)
♦   Nuvole barocche (1968)
♦   Fabrizio De André (also known as the Black Anthology) (1976)
♦   Fabrizio De André (also known as the Blue Anthology) (1986)
♦   Il viaggio (1991)
♦   La canzone di Marinella (1995, reissue)
♦   Mi innamoravo di tutto (1997)
♦   Da Genova (1999)
♦   Peccati di gioventù (2000)
♦   In direzione ostinata e contraria (2005)
♦   In direzione ostinata e contraria 2 (2006)
Live albums:
♦   Fabrizio De André in concerto (1979)
♦   Fabrizio De André in concerto vol. 2 (1980)
♦   1991 concerti (1991)
♦   In concerto (1999)
♦   Ed avevamo gli occhi troppo belli (2001)
♦   In concerto volume II (2001)
♦   Fabrizio De André e PFM in concerto (2007)
Singles:
♦   "Nuvole barocche"/"E fu la notte" (1960)
♦   "La ballata del Michè"/"La ballata dell'eroe" (1961)
♦   "Il fannullone"/"Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers" (1963)
♦   "Il testamento"/"La ballata del Michè" (1963)
♦   "La guerra di Piero"/"La ballata dell'eroe" (1964)
♦   "Valzer per un amore"/"La canzone di Marinella" (1964)
♦   "Per i tuoi larghi occhi"/"Fila la lana" (1965)
♦   "La città vecchia"/"Delitto di paese" (1965)
♦   "La canzone dell'amore perduto"/"La ballata dell'amore cieco (o della vanità)" (1966)
♦   "Geordie"/"Amore che vieni, amore che vai" (1966)
♦   "Preghiera in Gennaio"/"Si chiamava Gesù" (1967)
♦   "Via del Campo"/"Bocca di rosa" (1967)
♦   "Caro amore"/"Spiritual" (1967)
♦   "La canzone di Barbara"/"Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers" (1968)
♦   "La canzone di Marinella"/"Amore che vieni, amore che vai" (1968)
♦   "Il gorilla"/"Nell'acqua della chiara fontana" (1969)
♦   "Leggenda di Natale"/"Inverno" (1969)
♦   "Il pescatore"/"Marcia nuziale" (1970)
♦   "La stagione del tuo amore"/"Spiritual" (1970)
♦   "Nuvole barocche"/"E fu la notte" (1971, reissue)
♦   "Un matto (Dietro ogni scemo c'è un villaggio)"/"Un giudice" (1971)
♦   "Suzanne"/"Giovanna d'Arco" (1972)
♦   "La cattiva strada"/"Amico fragile" (1974)
♦   "Il pescatore"/"Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers" (1978)
♦   "Una storia sbagliata"/"Titti" (1980)
_______________________________________________________________

Fabrizio De André — Crêuza De Mä (2014)

 

NEWS

19.8.2017

Natalie Merchant

18.8.2017

Ray Wylie Hubbard

18.8.2017

UNCUT TAKE 245

18.8.2017

VERTIGO

18.8.2017

Rusalnaia

18.8.2017

Gary Clark Jr.

18.8.2017

The Duke Spirit

archiv

ALBUM COVERS IX.

Elliott Sharp/Mary Halvorson/Marc Ribot — Err Guitar (2017)
Tais Awards & Harvest Prize
Za Zelenou liškou 140 00 Praha 4, CZE
+420608841540